12 maggio … oggi anni fa – Giornata Internazionale degli Infermieri – e … oggi a EXPO 2015

12 maggio si celebra oggi la GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’INFERMIERE, ed il motto di quest’anno è: “GLI INFERMIERI, UNA FORZA PER CAMBIARE” . con questa giornata si vuole ricordare l’importanza del ruolo dell’infermiere per le sue competenze professionali e per l’assistenza al paziente, a 360 gradi. Gli infermieri, infatti, sono sempre vicini ai degenti e rappresentano un punto di riferimento essenziale per l’ammalato.

La data venne scelta in ricordo della nascita, il 12/5/1820 di Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne. L’International Council of Nurses, la federazione, che riunisce le Associazioni nazionali infermieristiche, ricorda questa data festeggiando la professione infermieristica in tutto mondo.

Negli anni Sessanta anche in Italia si inizia a celebrare il 12 maggio da parte di qualche associazione, ma è nel 1980 che la Federazione nazionale Ipasvi decide di sostenere direttamente l’iniziativa, annunciandola sul “Notiziario”. L’intento dichiarato dal gruppo dirigente è quello di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sui valori di cui è portatrice la professione infermieristica: “una professione che trova il suo significato più originale e autentico nel servizio all’uomo”.

… GRAZIE A TUTTI … 

.

imageOGGI A EXPO 2015 Alle 18.00, party per l’inaugurazione ufficiale del Padiglione Israele alla presenza di numerose autorità. Intervengono, tra gli altri, Alessandro Cecchi Paone e Moran Atias in veste di madrina.

Il padiglione è diviso in quattro aree. L’elemento caratterizzante ideato dall’architetto David Knafo è il “giardino verticale. Un impatto visivo di forte spettacolarità, per dar modo al Paese di affrancarsi dall’immagine di un territorio arido. Un Paese giovane, ma con una tradizione di tremila anni, che attraverso lavoro, ricerca e sviluppo ha saputo rendere fertili molti dei suoi terreni in prevalenza aridi. Una dedizione che in settanta anni lo ha portato a essere uno dei Paesi leader nel campo della scienza e nell’innovazione.

.

12 maggio 113 viene inaugurata a Roma LA COLONNA TRAIANA. Colonna traianaLa data è riportata in una iscrizione sui ‘Fast Ostienses’. La colonna vera e propria è del alta 100 piedi romani pari a 29,78 metri, ma includendo se si include il piedistallo alla base e la statua alla sommità arriva a poco meno di 40. È formata da un lungo fregio spiraliforme che si avvolge, dal basso verso l’alto, su tutto il fusto e descrive la vittoria di Traiano nelle guerre di Dacia 101-106.
La colonna aveva la funzione di ricordare l’altezza della collina che sorgeva prima dello sbancamento dove venne costruito il del Foro.
La Colonna rimase sempre in piedi anche dopo la rovina degli altri edifici del complesso traianeo e le fu sempre attribuita grande importanza con periodiche manutenzioni ed interventi di conservazione. Nel 1588 sulla sommità venne posta la statua di S.Pietro.
Il fregio è lungo 200 metri e si fregio arrotola a spirale intorno al fusto per 23 volte crescendo ma a a mano in altezza da 0,89 a 1,25 metri, in maniera da correggere la deformazione prospettica verso l’alto. L’illustrazione storica è organizzata rigorosamente, con intenti cronistici. Seguendo la tradizione delle pittura trionfale vengono rappresentate non solo le scene “salienti” delle battaglie, e quelle importanti politicamente, ma raccontano anche scene di marcia e trasferimenti di truppe, la costruzione degli accampamenti e di vita militare.

12 e 13 maggio 1974 si tiene il famosi referendum abrogativo meglio noto Referendum divorziocome referendum sul divorzio, in cui si chiede ai cittadini se vogliono o meno abrogare la legge del 1970 che ha introdotto il divorzio in Italia conosciuta come «legge Fortuna-Baslini».

Il divorzio aveva causato controversie e opposizioni, in particolare da parte di molti cattolici tanto da arrivare al Referendum in cui l’affluenza sfiora l’88%. Vincono i NO con il 59,3% e la legge Fortuna-Baslini resta in vigore.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *