29 aprile … oggi anni fa – Giornata Internazionale della Danza

29 aprile dal 1982 è la GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DANZA istituita dall’ONU perché « Per la maggior parte della storia dell’umanità si e sempre danzato all’aperto per ore ed ore, in radure, piazze, sagrati o all’interno di aie, fino ad arrivare al giorno d’oggi con sale da ballo, club, teatri, scuole. »

La voglia di ballare è un impulso primordiale è naturale fin dall’origine dell’uomo ed in tutte le parti del mondo. Attraverso la danza l’uomo esprime i propri sentimenti, gioia, dolore, rabbia, che trovano nei movimenti della danza il loro modo di esternarsi dal più profondo dell’anima in un modo coinvolgente, più di molte parole.

La data commemora la nascita di Jean-Georges Noverre (17271810), che fu il più grande coreografo della sua epoca ed il creatore del ballo moderno.

Moltissime iniziative organizzate con milioni di di ballerini in tutto il mondo che celebrano ogni anno questa festa con i loro movimenti che esaltano al massimo questa arte con l’obiettivo di promuoverla farla conoscere ai più giovani.

29/4/1865 nasce 150 anni fa nei pressi di S. Daniele del Carso, oggi in Slovenia,  Max Fabiani, l‘architetto goriziano che ha costruito palazzi, fabbriche, scuole#maxfabiani, ponti, fortezze ed  elaborato piani regolatori per diverse città durante tutta la sua sua lunga vita, 97 anni.

Una vita lunga ed intensa costellata di conoscenze ed esperienze lavorative in tutto’ il mondo, ha ottenti un’importantissima borsa di studio che lo ha portato in Grecia, Italia, Francia, Belgio, Inghilterra, Stati Uniti, Turchia, Russia e altri Paesi. Ha progettato costruzioni molto ardite ed avanzate per l’epoca in grandi città europee come Vienna, Roma, Lubiana o Palermo.r

Quando gli fu offerta la nomina di senatore a vita lui rifiutò per poter continuare i suoi studi e le sue opere a Gorizia.

Una vita intensa ed interessante, ma purtroppo poco conosciuta, durante la quale a sua opera di architetto si è affiancata a quella di ingegnere, scrittore, pittore, inventore, filosofo.

Una curiosità … Max Fabiani attorno al 1910, nel suo studio di Vienna assunse come apprendista l’allora ventenne Adolf Hitler, che lui ricorda “non privo di qualche talento”. L’aspirante architetto di Braunau, però, non è molto disciplinato e al lavoro preferisce le discussioni sul pangermanesimo disturbando il lavoro dell’ufficio. Fabiani allora decide di licenziarlo per scarso rendimento. In un’intervista rilasciata alla fine degli anni Cinquanta dichiarerà: «Non l’avessi mai fatto! Avremmo avuto un mediocre ma pur sempre passabile disegnatore tecnico in più e un programmatore di guerre mondiali e di campi di sterminio in meno!».

Vi consiglio di leggere un libro molto interessante “Il gelso dei Fabiani  di imageRenato Ferrari. Un diario racconto della saga familiare che inizia con la storia d’amore tra Charlotte e Anton Fabiiani, i genitori di MAX, è si sviluppa nel secolo scorso, l’epoca aurea di Trieste, fra il Carso e la città.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *