31 luglio … anni fa – Conquista K2 – Ultimatum a Francia e Russia

31 luglio 1954 – Conquista del K2 a 8.611 metri, da Achille Compagnoni e Lino Lacedelli. La vetta era  inviolata fino a quel momento e viene toccata  componenti della spedizione italiana partita tra la fine di maggio e gli inizi di giugno, e guidata dal professor Ardito Desio, geologo ed esploratore.

Il K2 si trova nel gruppo del  Karakorum e  appartiene alla catena dell’Himalaya per altezza è la seconda vetta del mondo, ma tenendo conto di altezza, pericolosità e difficoltà tecniche, è considerato in assoluto gli ottomila più impegnativo da conquistare al mondo.

 Fondamentale l’apporto fornito da Walter Bonatti Amir Mahdi che, affrontando il rischio della morte in un forzato bivacco notturno a oltre 8100 metri, trasportarono a Compagnoni e a Lacedelli le bombole d’ossigeno rivelatesi poi essenziali al compimento della missione.Il nono campo era stato posto da Compagnoni e Lacedelli piu in alto di quanto concordato e Bonatti e Mahdi dovettero passare la notte all’addiaccio.

Questo episodio è all’origine di tutta una serie di polemiche, calunnie, accuse, persino di fronte a tribunali, che coinvolsero I protagonisti della
vicenda e si trascinarono perd 54 anni. Diedero origine al cosiddetto Caso K2 dando alla fine  ragione a Bonatti.

.

31 luglio 1928 si disputa la prima gara femminile di atletica leggera nella storia delle Olimpiadi. I Giochi Olimpici di AMSTERDAM  divennero celebri come i primi in cui alle donne venne permesso di competere cell’atletica leggera, e beneficiarono molto della prosperità generale dell’epoca.
Olimpiadi Amsterdam

Il 31 luglio si svolsero i 100 m, prima gara in programma per l’atletica femminile. Dopo una serie di false partenze la Statunitense Elizabeth Robinson vinse con il tempo di 12″2. Per poco non diventò la prima campionessa olimpica di atletica in assoluto, essendo stata preceduta di soli 25 minuti dalla polacca Halina Konopacka, vincitrice del lancio del disco nello stesso pomeriggio. Nella stessa edizione dei Giochi olimpici La Robinson si aggiudicò anche un argento con la staffetta 4×100 m.

Le Olimpiadi di Amsterdam furono in netto contrasto con l’edizione del 1932  a Los Angeles, che fu influenzata dalla Grande depressione, che contribuì al minor numero di partecipanti fin dai tempi dei Giochi di St. Louis.

.

 

31 luglio 1914 la Germania emana l’ultimatum a Francia e Russia zarista e che porterà nei giorni successivi all’esplosione delle ostilità fra i tre Paesi, imageesponendo definitivamente tutte le debolezze delle velleità del Kaiser Guglielmo II.

31 luglio segna il punto di non ritorno. L’Austria allerta le truppe sul fronte orientale e abbandona le trattative; Berlino non è più disposta a mediare.
Il panico investe le borse di New York e Londra.
In poche ore viene ordinata la mobilitazione generale in Russia, Francia e Germania.
I tedeschi hanno inviato due ultimatum, uno a San Pietroburgo e uno a Parigi: ventiquattro ore per revocare gli ordini militari. Il Kaiser dichiara lo stato di “pericolo di guerra”.
Olanda e Belgio, neutrali, non si fidano dei vicini e allertano le proprie truppe.

Inattese furono le resistenze che sin dal mese di agosto riuscirono a muovere le truppe dell’Intesa, e a poco valsero le vittorie di Von Bulow in terreno belga, rese vane dall’inaspettata (per alcuni sconsiderata) offensiva della prima Armata di Von Klutz a sud della Marna, che aprì le porte alla riscossa franco-britannica vittoriosamente chiusa in settembre.

 

Share Button

One comment

  1. […] dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo-Este del 28 giugno 1914 e dopo l’ultimatum consegnato il 31 luglio, il 1º agosto, il governo tedesco dichiara guerra alla Russia che aveva mobilitato […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *