Archive for DONATI in the WORLD

1 luglio … anni fa – Fine settimana in Val Rendena

Val Rendena #ValRendena

1 luglio 2016 finalmente mi concedo un fine settimana in Val Rendena, il primo viaggetto da quasi tre anni. Tutto merito di una gentile amica e del suo maritino santo.

Partenza per la Val Rendena, alloggeremo all’hotel Rio a Caderzone e non mancheranno visite panoramiche e culinarie nella bellissima valle. Un pranzetto probabile alla Malga ZELEDRIA di Madonna di Campiglio per trattarci bene …

Read more

Share Button

2 giugno … oggi anni fa – Giornata Mondiale del Turismo Responsabile – A EXPO inizia ‘Orgoglio Italia’

#turismoresponsabile

2 giugno da nove anni si celebra la GIORNATA MONDIALE DEL TURISMO RESPONSABILE, per sviluppare ed accrescere nei turisti il senso di responsabilità e rispetto dell’ambiente e delle culture visitate.

il tema del 2015 è “Sociale e solidale, i valori per un turismo innovativo”. Quando si viaggia è necessario riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile del proprio territorio. Read more

Share Button

1 giugno … oggi anni fa – Giornata Mondiale del Latte –

#worldmilkday

1 giugno tutto il mondo si veste di bianco per celebrare la GIORNATA MONDIALE DEL LATTE patrocinata dalla FAO ed istituita nel 2001 per sensibilizzate tutti i popoli sull’importanza e sul ruolo che questo alimento primordiale riveste.
Il latte rappresenta il primo alimento nella vita dell’uomo e contiene tutti gli elementi essenziali alla crescita ed allo sviluppo del nostro organismo. Sono presenti proteine, con una notevole quantità di amminoacidi, carboidrati come il lattosio, grassi, calcio, fosforo, magnesio, zinco, rame e le vitamine A, C, D, E, K e molto altro ancora.

Read more

Share Button

una Beata tra i Donati, suor Celestina

Celestina Donati

Maria Anna Donati nacque in provincia di Firenze, a Marradi il 28 ottobre 1848, ultima di 6 figli di una antica e ricca famiglia.calestina
Nonostante le sollecitazioni della famiglia che avrebbe voluto ‘accasarla’ con un buon partito, Maria si sentì molto più attratta dalla vita religiosa e si ritirò presso le Suore Vallombrosane per valutare la sua religiosità, ma l’esperienza non le diede la sperata vocazione.

Read more

Share Button

L’ocarina di Giuseppe Donati

#ocarina

Grazie a Sonia Donati, una ‘cugina’ del gruppo DONATI in the WORLD, ho scoperto che l’ocarina, lo strumento musicale famoso in tuto il mondo, è stato inventato da un Donati.

L‘ocarina di Budrio, o semplicemente ocarina, è stata infatti inventata da Giuseppe DONATI verso la fine del 1800. Read more

Share Button

I Quaresimali della bisnonna di Serena !

biscotti toscani

Presto entriamo in Quaresima, basta fritole, crostoli, chiacchere, frittelle varie, niente più fritti!

Ripropongo allora una ricetta che mi ha gentilmente fornito Serena Donati. In Quaresima in tavola sono banditi i fritti, ma le nostre nonne hanno comunque tramandato delle ricette adatte al periodo.
Questa è la ricetta originale dei quaresimali, gentilmente concessa da Serena. Read more

Share Button

Lorenzo DONATI ! Un artista poco conosciuto …

Così, in una questa giornata piovosa, Serena Donati ha l’ispirazione di “topo di Biblioteca”… e regala a tutta la Tribú, la storia di un Donati sconosciuto, ma quando i Toscani leggeranno sapranno che ha contribuito a realizzare una delle opere piú belle che abbiamo nella nostra terra…

DONATI, Lorenzo. – Read more

Share Button

GRATIA DEI SIC ITUR AD ASTRA, il motto dei Donati di Cosenza

Serena Donati, da brava ricercatrice della storia di famiglia scrive una lunga biografia dei cugini di Cosenza.
I Donati di Cosenza costituiscono una diramazione dei Donati di Firenze riparata nel 1316 a Messina dopo l’uccisione dell’avo Corso Donati (1).Le varie casate Donato di Messina e di Reggio,Donati di Mantova,di Genova,di Lucca,di Pisa e Donà delle Rose di Venezia,sarebbero ramificazioni del più antico ceppo dei Donati di Firenze che si vuole di discendenza romana Capostipite del ramo cosentino che fu ascritto al sedile in entrambe le componenti dei Patrizi e degli Onorati è il nobile Angelo de Donato (fine 1300) che ebbe tre figli tra cui Giovanni (1449) e Matteo,notaio (1452). Dei figli del nobile Giovanni Donati vanno ricordati Alfonso,capitano filofrancese ucciso perché ribellatosi a Gonsalvo di Cordova (1496),e Angelo,Mastro de Camera Cancelleria alla Corte del Luogotenente di Cosenza. Dei figli del nobile Matteo Donati va ricordato Vincenzo,notaio (1490),cancelliere della città di Cosenza (1520),notaio apostolico,sindaco del popolo (1523-1524). La famiglia di distinse quindi in due rami che fecero rispettivamente capo ai nobili Angelo, figlio di Giovanni,e Vincenzo, figlio di Matteo. Del primo ramo, che ebbe cappella gentilizia nella chiesa di S.Francesco dell’Osservanza di Cosenza e che si estinse nella seconda metà del secolo XIX, furono esponenti i nobili Geronimo capitano di Corigliano e sindaco dei nobili (1546-1558), Orazio, sindaco dei nobili (1568), Giuseppe de Donato, Regio Segretario Calabria Citra e Ultra (1658), Fancesco Antonio, Capitano di Compagnia (1678), Stefano, (avvocato) sindaco dei Casali di Cosenza (1690). Il secondo ramo ebbe cappelle gentilizie in Cosenza,nel duomo,nella Chiesa di S.Domenico e in quella di S.Maria del Rito;in Rende,nella Chiesa matrice e nella Chiesa di S.Francesco d’Assisi;in Napoli nella Chiesa della Pietà dei Turchini e nell’Augustissima Arciconfraternita dei Pellegrini. Tra i suoi esponenti,che ebbero facoltà di traslare alla prima piazza quando fu istituito il libro d’oro,vanno ricordati i nobili Tommaso Donati,Capitano di guerra dei francesi (1555),Antonio de Donato,primo Cantore del Capitolo di Cosenza (1588),Cappellano Maggiore Perpetuo della Cattedrale,Giovan Giacomo,medico e sindaco degli Onorati (1594),Frà Giovan Battista,Cavaliere Gerosolimitano e Governatore di Paola (1616),Marco Antonio de Donato (1583),Giovan Giacomo Donati,sindaco degli Onorati,che prese parte al Parlamento di Cosenza che confermò al vicerè la fedeltà della città (1648).Il nobile Antonio Donati,figlio di Giovan Giacomo,trasferitosi da Cosenza in Rende,sposò il 27 marzo 1685 la nobile Gesimunda Gruccione.Il nobile Giovan Giacomo,primogenito di Antonio,generò Pietro che fu celebre avvocato in Napoli dove sposò il 12 febbraio 1755 la nobile Teodora Guarani.Fu aggregato al sedile dei nobili cosentino,come da dichiarazione resa dal figlio in atto pubblico,ed ebbe due figli:Giovan Battista e Antonio.Il primo,professore di legge presso l’Università di Napoli,sposò la contessa donna Rosa Vincenti di Belforte.Dal matrimonio nacque un figlio Lelio che coniugato con donna Costanza Pastore,non ebbe discendenza.Antonio,dottore in utroque iure,sposò a Napoli il 23 gennaio 1791 donna Maddalena Scillitano e generò Pietro e Maria Giuditta,nati a Napoli il 12 ottobre 1793 e il 19 agosto 1804.Pietro,conte,addetto alla Segreteria della Maestà Siciliana,fu insignito del cavalierato dei SS.Maurizio e Lazzaro con diploma di Carlo Alberto ricevendo da Pio IX breve per oratorio,su attestato di nobiltà del Cappellano Maggiore del Regno delle Due Sicilie,Cardinale Naselli e Alliata,esteso ai nipoti Viscido,orfani in tenera età.La sorella Maria Giuditta Donati aveva infatti sposato in Napoli il 27 marzo 1828 Pasquale Maria Viscido di Nocera,deceduto a meno di 30 anni (3).Con la morte del conte Pietro Donati avvenuta in Napoli il 13 gennaio 1852 si estinse la linea maschile e l’arme fu inquartata dai conti principi Viscido di Nocera. ARMA:d’argento al capo di rosso Alias: di verde alla banda d’oro controdoppio merlata di tre pezzi,accompagnata da due stelle,una per parte. MOTTO:GRATIA DEI SIC ITUR AD ASTRA

Share Button

Lucrezia Donati, il grande amore di Lorenzo il Magnifico.

Serena Donati ho scoperto la storia di una nostra lontana “cugina” che pubblico volentieri, per il momento senza immagini, tag ecc…
Lucrezia, figlia di Manno Donati e Caterina Bardi, era una gentildonna fiorentina, appartenente all’omonima famiglia nobile, decaduta, e l’ultima figlia della coppia.
Sin dall’età di circa sedici anni fu amata da Lorenzo “il Magnifico”, di un amore platonico assai in voga a quel tempo, anche se “il Magnifico” dovette poi sposare, per questioni di stato, la nobile romana Clarice Orsini, dalla quale ebbe dieci figli.
Da lei non ebbe dei figli, ma venne ricordata nel “Corinto”, un poemetto scritto da Lorenzo de’ Medici. Lucrezia sposò poi il mercante fiorentino condannato all’esilio, Niccolò Ardighelli, morto nel 1496.

Share Button

Forese DONATI, il fratello del più noto e feroce Corso Donati

Forese, fratello di Corso DoNATI

 

Grazie a Serena Donati, del gruppo Facebook DONATI IN THE WORLD ecco un nuovo articoletto su un lontano cugino di famiglia…

Forese Donati – figlio di Simone Donati, fratello di Piccarda e di Corso, il feroce capo dei Guelfi Neri di Firenze, nonché cugino di Gemma Donati (moglie di Dante Alighieri). Read more

Share Button