Gorizia

Vivo a Gorizia da qualche anno, in realtà la mia casa,si trova in periferia quasi al limite del comune.

 

Dal sito del comune copio una notizia che mi è piaciuta molto.

Www.comune.gorizia.it

 L’ultima iniziativa interessante è :

Gorizia in bici”

l’innovativo servizio di bike sharing, inaugurato il 28 aprile in occasione del compleanno della cittadina, con l’obiettivo di diffondere e sviluppare il concetto di Mobilità Sostenibile. Si tratta di un servizio di biciclette pubbliche, gestito dal Comune, a supporto del trasporto pubblico già esistente.
Attualmente, il servizio è costituito da 5 parking in Italia: 3 postazioni di cicloposteggio da 10 biciclette ognuna e 2 postazioni da 12, per un totale di 54 posti bici posizionati nelle immediate vicinanze dei principali luoghi di afflusso delle persone nella città, prestando particolare attenzione al trasporto intermodale (treno-bici, bus-bici, auto-bici). Inoltre, è presente una postazione in Slovenia nel Comune di Nova Goriča.

“Gorizia in bici” è aperto a chiunque abbia almeno 18 anni di età (ai minorenni è consentito l’utilizzo del servizio solo con sottoscrizione da parte di un genitore, che se ne assume ogni responsabilità conseguente l’uso errato del sistema).

L’utilizzo del servizio di bike sharing è vincolato ad un iscrizione che l’utente potrà effettuare presso l’Ufficio BIKE SHARING (lunedì, mercoledì e giovedì – dalle 9:00 alle 12:00), e al pagamento di un canone di utilizzo e di una cauzione da versare all’Ufficio Cassa Economato (da lunedì a venerdì dalle 8:45 alle 12:30, lunedì e mercoledì dalle 16:00 alle 17:00).

Tutto ancora molto macchinoso e poco pratico, i due uffici non sono nello stesso palazzo e gli orari sono un vincolo non indifferente. Ma speriamo venga modificata la modalità di gestione del servizio in modo da consentire l’utilizzo delle bici anchedei giorni festivi ed al di fuori dell’orario di ufficio.

.. O forse non ho capito bene come funziona

Share Button

7 comments

  1. renata ha detto:

    regata lacinquecento
    jesolo susak jesolo

    arrivo degli argonauti ore 11 a venezia, in piazza san marco, al traino di un rimorchiatore dell’american cup !!!
    Un argonauta racconta che è successo di tutto, dal vomito alla rottura di una vela, dalla pastasciutta cotta in cambusa all’elica impigliata su una corda e conseguente traino fino a venezia. Sono partiti alle 11 di venerdì, hanno raggiunto la meta a susak il sabato alle 16.30 a causa di una lunga bonaccia beccata a Pola che li ha fatti restare immobili per ore ed ore e poi bufera, tempesta, bora, mare grosso. A poche miglia dal traguardo a jesolo non riuscivano più ad avanzare, il vento li ributtava verso venezia, per cui non hanno terminato la regata. Anzi in laguna nei pressi del lido si sono pure beccati una corda sull’elica e hanno dovuto chiedere traino… bè, almeno sono arrivati in piazza san marco. Adesso il marinaio è partito per Bruxelles, in aereo, non in barca…Ritorna domani sera… mi ha lasciato in enorme borsone di indumenti fradici da lavare!!!!! Regalino per la festa della mamma….

  2. renata ha detto:

    Questo fiume è l’Isonzo,
    e qui meglio
    ho potuto vivere l’esperienza
    di sentirmi insieme alla natura,
    come una docile fibra dell’universo.

  3. lucia ha detto:

    Adesso studio come cambiare le immagini su ogni pagina !

  4. Ila ha detto:

    Forza lux!

  5. Ila ha detto:

    Forza!

  6. lucia ha detto:

    A sapere come si fa …
    Ma imparerò presto

  7. lucia ha detto:

    Sarebbe meglio un link alla pagina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *