L’Ave Maria di Schubert e l’ Ave Maria di Gounod non si possono nè cantare nè suonare in chiesa ai matrimoni…

Quando si è sposato Michele Placido, durante la cerimonia Al Bano ha cantato l’Ave Maria … La notizia non sarebbe strana, ma leggendo il Corriere della Sera e poi verificando e cercando in internet ho scoperto che NON SI PUÒ cantare l’AVE MARIA in chiesa, neppure al matrimonio.

Questo vale non per tutte le avemarie, solo le due più belle e famose, cioè quella di Gounod e quella di Schubert.
Vi riporto quello che dice il giornale:
AVE MARIA DI SCHUBERT - La musica dell’Ave Maria di Schubert era stata composta per un lied ispirato al poema “La signora del lago” di Sir Walter Scott. Il testo, in lingua tedesca, è l’invocazione di una giovane ragazza esiliata, costretta a vivere in una caverna, perché la Vergine metta fine alle sue sofferenze. Si compone di tre strofe che iniziano e finiscono con le parole ‘Ave Maria’. Per questo motivo, in seguito venne cantata con le testuali parole della preghiera, in lingua latina. Il brano, in altri lieder dello stesso ciclo racconta di una convivenza peccaminosa della protagonista e questo non è accettato dalla chiesa.

AVE MARIA DI GOUNOD - Riguardo all’Ave Maria di Gounod, uomo profondamente cattolico, che fu a un passo dal prendere i voti, si trattava di una melodia per violino, accompagnata da un pianoforte che eseguiva il Preludio n°1 del Clavicembalo ben temperato di Bach. Gounod «…rielabora un preludio di J.S. Bach sfruttato poi da un editore ebreo…» per canto e orchestra col testo in latino della preghiera.
L ‘esecuzione è vietata a un matrimonio in chiesa, perché uno dei musicisti era protestante e l’editore ebreo!

Ci sono anche altri brani famosi che sono comunemente suonati e che sono espressamente proibiti:
- le Ave Maria di  Mascagni;
- le Marce Nuziali di Mendelsshon e di Wagner;
- il Sogno di Schuman;
- il Largo di Handel;
- il Largo di Mulè;
- i Notturni di Chopin.

Ma voi lo sapevate? O avete fatto come Al Bano?

Share Button

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *