Parigi – primo giorno.

Oggi 19 maggio 2012, è il giorno della partenza, ovviamente misono svegliata alle tre è normale, ma in genere mi riaddormento un poco e invece  niiente da fare.
Tutto pronto, bagaglio pronto, ho usato valigia di Federica, è più grande delle mie e ha la tasca esterna per biglietto e documenti da tenere a portata di mano per passare il servizio sicurezza e per salire a bordo.
Tra poco sveglio Sergio che mi porta a Pieris, dalla figlia della mia amica che ci porta all’aeroporto di Treviso. La Ryanair ci aspetta.
Stasera, se sarò ancora in grado, scriverò il diario di oggi…
Eccoci arrivate a PARIGI, sono le 14 e siamo nelle nostre camere a fare una piccola pausa prima di andare alla conquista del centro di Parigi.

Tutto bene ? Il viaggio ottimamente, partenza puntuali da Pieris, arrivo a Treviso senza problemi. Aereo in orario e buon viaggio, fila 6, compagna di viaggio una ragazza giovane e sola, anche lei prima volta a Parigi.

In aeroporto, molto piccolo e facile da attraversare, pronto l’autista con il cartello con il mio nome, ottimo viaggio fino all’Hotel.

Però in albergo, in francese e in inglese ci fanno capire che non ci sono le camere prenotate … Causa un contrattempo !!!

NIENTE PANICO PLEASE!!!

Ascoltiamo attentamente e ci dice che ci porta in un albergo vicino dove resteremo una notte e poi andremo li per le altre 2 notti.
A ME QUESTE COSE FANNO VENIRE I FUMI, che espongo gentilmente, o quaSi.

.AnDiamo nel nuovo hotel e in realtà,  almeno nella hall sembra meglioell’altro.Va ben, compiliamo le carte d’obbligo, ma … LE CAMERE NON SONO PRONTE , !!!Dobbiamo aspettare 2 ore ! Possiamo però depositare le valige, come sono gentili, e poi ci offrono anche il buffet della colazione … Ci rifocilliamo un poco e poi via a fare un primo giro di perlustrazione, a mangiucchiare un poco e a comprare l’abbonamento per la metro.E finalmente alle 14 ci danno le camere.

Breve riposino di assestamento, le camere sono proprio … Spartane, aggettivo gentile per dire MISERE. C’è tutto però misero miserrimo, neppure una sedia, per aprire o chiedere la finestra devo rotolarmi sul letto, e sui bagni che dire? Minimi anche gli asciugamani.Partenza in metrò, inizia la nostra esplorazione.Stazione grands boulvards, metro n. 8 per due fermate poi la n. 4 fino a cite, la fermata di ile de la cite e giro per mercato dei fiori, Notre Dame. ORRORE davanti a Notre dame un tendone enorme per qualche festa! Rovina la visuale e le foto. Orrore! Alla sanit CHAPELLE c’è la fila e non ci fanno entrare . Che peccato.Passeggiata su point neuf, manifestazione di mussulmani, pioggia, ci sediamo in un bar ma nessuno ci calcola, ci riposiamo un poco e poi via in metrò per rientrare. Cotte e stanche.

Cena sotto l’albergo in una brasserie.

A nanna presto.

Share Button

4 comments

  1. […] strada nei pressi del teatro. In questa strada si tovava il nostro albergo quando lo  anni fa Luisa ed io siamo andate a Parigi. L’albergo non lo consiglio, come ho scritto anche su […]

  2. […] strada nei pressi del teatro. In questa strada si tovava il nostro albergo quando lo  tre anni fa Luisa ed io siamo andate a Parigi. L’albergo non lo consiglio, come ho scritto anche su […]

  3. […] un’altra strada nei pressi del teatro. In questa strada si tovava il nostro albergo quando lo scorso anno Luisa ed io siamo andate a […]

  4. michaela ha detto:

    ciao zia! ti seguo continua a scrivere…hai un futuro come scrittrice….sai è mia intenzione provare a scrivere un libro è tanto che ci penso…ma chi me lo pubblicherebbe?!!!!! DIVERTITI A PARIS !!!!!BACI miki

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *