29 maggio – Giornata del Sollievo – dei Peacekeeper – Legnano

29 maggio è La Giornata Nazionale del Sollievo una ricorrenza  istituita nel 2001 con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri per “promuovere la cultura del sollievo dalla sofferenza fisica e morale in favore di tutti coloro che stanno ultimando il loro percorso vitale”.

Un impegno per addetti ed associazioni per aiutare il sollievo della sofferenza fisica e morale in favore di coloro che stanno ultimando il loro percorso di vita. Nel momento in cui vi è unità d’intenti sulla necessità di affermare percorsi di umanizzazione delle cure dove la presa in carico del paziente non sia solo sanitaria, ma anche sociale e relazionale.

La legge italiana che garantisce l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore, prima in Europa a dedicare attenzione ai pazienti affetti da malattie inguaribili.  L’auspicio è che, sempre più, in Italia tutti coloro che sono affetti da malattie inguaribili possano ricevere cure adeguate e percorsi di cura personalizzati con un’offerta omogenea su tutto il territorio nazionale e che, contemporaneamente, si rafforzi l’empatia nei confronti delle persone colpite e la consapevolezza prenda il posto della negazione e della fuga.

Alla base della giornata vi è l’ Umanizzazione delle cure, grazie al sempre crescente impegno dei professionisti e dei volontari, impegno che rappresenta il vero valore aggiunto di un paese civile.

*^*^*^*

29 maggio è la GIORNATA INTERNAZIONALE DEI PORTATORI DI PACE proclamata dall’ONU per rendere omaggio a tutti quelli che prestano servizio nelle operazioni di pace delle Nazioni Unite, perdendo spesso la vita o riportando gravi lesioni, i Peacekeeper. Come evidenziato dal Segretario Generale. le operazioni di pace delle Nazioni Unite sono sempre più complesse e multidimensionali e vanno ormai oltre il monitoraggio di una tregua.#Peacekeeper

Il Peacekeeping tradotto in italiano significa “Pacificatore, colui che mantiene la pace” e identifica un tipo di operazioni volte al mantenimento della pace, messe in atto con il consenso delle parti in causa. Queste azioni sono promosse e svolte, prevalentemente, sotto il controllo dell’ONU. Nell’accezione datagli dalle Nazioni Unite, il peacekeeping è “un modo per aiutare paesi tormentati da conflitti a creare condizioni di pace sostenibile”. A livello europeo la competenza dell’Unione europea alla costituzione e alla gestione di missioni di peacekeeping è stata prevista per la prima volta, in modo espresso, dal Trattato di Amsterdam del 1997.

Questa giornata, che si celebra il 29 maggio di ogni anno, è stata scelta come progetto pilota, in considerazione del fatto che il mantenimento della pace è una delle attività universalmente note delle Nazioni Unite, con il suo dispiegamento di quasi 120 mila Caschi Blu in sedici missioni nel mondo.

*^*^*^*

29 maggio 1176 Le truppe della Lega Lombarda sconfiggono Federico Barbarossa ed il suo esercito imperiale di nella battaglia di Legnano.Legnano Questa battaglia pone fine al tentativo di egemonizzazione dell’imperatore tedesco sui dei comuni dell’Italia Settentrionale. Per questo è diventata  il simbolo della vittoria delle popolazioni italiane su quelle straniere.

Lo scontro fu cruciale nella lunga guerra intrapresa dal Sacro Romano Impero Germanico per tentare di affermare il suo potere sui comuni dell’Italia Settentrionale, che decisero di mettere da parte le reciproche rivalità alleandosi in un’unione militare guidata simbolicamente da papa Alessandro III, la Lega Lombarda.

La battaglia pose fine alla quinta e ultima discesa in Italia dell’imperatore Federico Barbarossa, che dopo la sconfitta cercò di risolvere la questione italiana tentando l’approccio diplomatico. Questo sfociò qualche anno più tardi nella pace di Costanza (25 giugno 1183), con la quale l’Imperatore riconobbe la Lega Lombarda dando concessioni amministrative, politiche e giudiziarie ai comuni e ponendo ufficialmente fine al suo tentativo di egemonizzare l’Italia Settentrionale.

Legnano, grazie alla storica battaglia, è l’unica città, oltre a Roma, ad essere citata ne Il Canto degli Italiani di Goffredo Mameli e Michele Novaro, inno nazionaleitaliano dal 1946.

La quarta strofa del Canto degli Italiani inizia con un riferimento alla battaglia di Legnano «Dall’Alpi a Sicilia / dovunque è Legnano».

*^*^*^*

29 maggio 1848 le truppe toscane e napoletane affrontano le tbruppe asburgiche nella Battaglia DI CURTATONE e MONTANARA, una delle più significative delle Guerra di Indipendenza Italiana. Una pesante sconfitta per che servì a bloccare comunque l’esercito Austrico ed a consentire alle truppe Sardo-Piemontesi di organizzare e vincere la successica, importante, battaglia a Goito.

Le truppe Tosco-Napoletane erano per lo più formate giovani volontari, molti dei quali appartenevano alla borghesia ed anche alla nobiltà toscana e non avevano alcun addestramento militare. Erano armati alla meno peggio ed  i loro ufficiali erano i loro stessi professori promossi al grado per l’occasione e non avevano alle spalle alcuna formazione bellica. 
Le truppe austriache contavano invece oltre 20.000 uomini ben addestrati ed armati e numerose artiglierie. Il 29 maggio uscirono da Mantova per attaccare e sbaragliare i circa 7.000 tosco-napoletani e compiere una manovra di attacco alle spalle dei piemontesi. La resistenza che trovarono fu molto superiore alle aspettative e molti furono i caduti in battaglia da entrambe le parti.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *