8 maggio – Giornata Croce Rossa – Coca Cola – Fine 2′ Guerra Mondiale

 

8 maggio in tutto il mondo oggi è dedicato alla GIORNATA MONDIALE DELLA CROCE ROSSA e della MEZZALUNA ROSSA al fine  di ricordare a tutti le molteplici attività svolte dalla Croce Rossa con i propri volontari. L’organizzazione viene spesso indicata con i termini abbreviati Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. 

L’ 8 maggio è stato scelto perchè è L’ anniversario della nascita del fondatore della Croce Rossa, Henry Dunant, che creò il Comitato ginevrino di soccorso dei militari feriti per la terribile carneficina e la disorganizzazione con cui furono portati i soccorsi durante la battaglia di Solferino il 24 giugno 1859. Tre sono i principi fondamentali: umanitàimparzialitàneutralità.

La missione fondamentale è di essere sempre in  prima linea, ovunque e per chiunque si trovi in una condizione di vulnerabilità: è con questo spirito che, da oltre 150 anni, milioni di volontari diffondono l’intuizione del filantropo svizzero, contribuendo alla crescita della più grande organizzazione umanitaria del mondo. Ogni anno, il Movimento Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa raggiunge più di 160 milioni di personeattraverso il suo network, composto da 17 milioni di volontari in 190 paesi e da 450mila operatori.

La convenzione di Ginevra garantisce neutralità e protezione alle ambulanze, agli ospedali militari, al personale sanitario, al materiale sanitario nonché ai feriti di ogni parte ed al personale civile di ogni parte che si adopera per migliorare la sorte dei feriti.

*^*^*^*

8/5/1945 con la resa incondizionata della Germania, termina la Secondaimage Guerra Mondiale. Dopo la morte di Hitler il 30 aprile, dopo la caduta di BERLINO e  delle diverse città e zone della Germania, Danimarca, Polonia, in parte per opera degli Americani ed in Parte dei Sovietici, Eisenhower pretende la resa incondizionata di tutte le forze tedesche, comunicando a Jodl che in caso contrario avrebbe ordinato la chiusura delle linee occidentali ai soldati tedeschi, costringendoli ad arrendersi ai sovietici.

Il generale Alfred Jodl  l’8 maggio firma nei quartier generalè degli Alleati di Reims in Francia i documenti di resa della Germania. il giorno successivo analogo documento viene sottoscritto con i Sovietici a Berlino.

 

*^*^*^*

20130508-065123.jpg

8 maggio 1886 Ad Atalanta, negli U.S.A. il medico e farmacista John Stith Pemberton crea una bevanda gasata che diventerà famosa in tutto il mondo la COCA-COLA.
il suo inventore la creò come medicina contro il mal di testa e la stanchezza e la chiamò “Pemberton’s French Wine Coca

. Pemberton cercò una variante del cosiddetto “vino di coca”, o Vin Mariani, una miscela di vino e foglie di coca che aveva avuto largo successo in Europa quando era stata creata dal farmacista còrso Angelo Mariani.
L’alcol venne in seguito sostituito con un estratto delle noci di cola, una pianta tropicale reputata non dannosa per la salute. Dall’uso combinato dei due ingredienti principali, la coca e la cola, la bibita acquisì il nome attuale. Quando anche la coca venne bandita (dalla pianta si estrae infatti la cocaina), venne scartato l’alcaloide dagli estratti dalle foglie di coca, mentre la cola (in noci) continuò a essere utilizzata.
il logo fu creato nel 1886 dal ragioniere dell’azienda, Frank Mason Robinson, che fece solo alcuni piccoli ritocchi al carattere di moda allora, lo Spencerian Script, Una leggenda metropolitana che si propagò rapidamente nel mondo è che osservando la scritta Coca-Cola allo specchio sia possibile interpretare l’immagine come una frase in lingua araba che recherebbe un messaggio contro la cultura islamica, “No a Maometto, No alla Mecca, no alle preghiere”.
La classica bottiglia nacque invece, dopo attenti studi e prototipi, nel 1916.
Altra credenza popolare è che fu la pubblicità della Coca-Cola nel Natale degli anni ’30 a vestire per la prima volta Babbo Natale in Rosso e Bianco, mentre prima era sempre stato raffigurato un verde.
In realtà già in precedenza altre pubblicità lo avevano fatto, ma non erano così famose e sono state dimenticate.
La ricetta originale è cambiata nel corso degli anni, per adeguarsi alle norme ed alle mode, ma è sempre rimasta segreta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.